FANDOM


StarCraft II è un videogioco strategico in tempo reale, annunciato il 19 Maggio 2007, al Blizzard Worldwide Invitational di Seoul, Corea del sud.[1][2] StarCraft II è in sviluppo dal 2003, e le attuali piattaforme di destinazione sono Windows XP, Windows Vista e Mac OS X. Gli sviluppatori hanno reso noto che il gioco pur supportando interamente le DirectX 9 (pixel shader 2.0), stanno prendendo in considerazione di aggiungere il supporto per le DirectX 10. Attualmente non è stata resa nota una data di rilascio in quanto il gioco è considerato ancora in una versione pre-alpha.

Modalità di giocoModifica

StarCraft II avrà tutte e tre le razze del primo capitolo: Protoss, Terran, e Zerg. È stato reso noto che queste saranno le uniche razze del gioco.[3][4][5]

La modalità di gioco sarà simile al suo predecessore, il cui obiettivo sarà l'acquisizione di risorse finalizzata alla costruzione di vari tipi di strutture, di unità e di tecnologie.

CaratteristicheModifica

StarCraft II mantiene alcune unità del capitolo precedente, come i Marine Terran, gli Zergling Zerg o gli Invasati Protoss, anche se a molte vecchie unità vengono ora fornite nuove abilità, ad esempio agli Invasati, tipicamente lente unità corpo a corpo, verrà fornita un'abilità che permettera di ingaggiare rapidamente le unità di combattimento a distanza.[6]. Per motivi di coerenza con gli ultimi avvenimenti di StarCraft: Brood War, alcune unità non saranno presenti o verranno sostituite. Un esempio è che in seguito alla distruzione di Aiur, pianeta madre dei Protoss, la costruzione di Dragoni non sarà più possibile, e quindi gli attuali Dragoni verranno riprogettati e riequipaggiati con tipologie di armamento differenti e porteranno il nome di "Immortals"[6]

I demo presentati portano alla luce una più complessa interazione con l'ambiente di gioco rispetto al predecessore. I Reapers, unità Terran, potranno agilmente superare i dislivelli di terreno, e gli Stalkers Protoss saranno capaci di teletrasportarsi a breve raggio. Nuove abilità saranno fornite alle strutture, i Protoss saranno capaci di fornire energia alle proprie strutture grazie a una nuova tipologia di unità che servirà come Pilone mobile in caso i Piloni convenzionali venissero abbattuti.

Nuovi tipi di unità estremamente potenti verranno aggiunte. Una di queste unità sarà l'Astronave Madre Protoss, a detta dei suoi creatori estremamente costosa da produrre, che servirà come fortezza volante in grado di creare campi di distorsione temporale capaci di congelare in campi di stasi le unità ostili e i loro stessi proiettili, di aprire buchi neri che potranno inghiottire le unità aeree nemiche e di generare devastanti attacchi ionici, letali per le unità terrestri. L'Astronave Madre è molto potente e di conseguenza per ogni giocatore sarà possibile crearne solo un esemplare alla volta, seguendo i criteri degli eroi di Warcraft III.

Per ora solo alcune caratteristiche Protoss sono state rese note nei video e sul sito ufficiale, lasciando in sospeso quelle degli Zerg e dei Terran per futuri aggiornamenti. Questo nuovo capitolo vedrà tornare alcuni vecchi personaggi di StarCraft, come Zeratul e Sarah Kerrigan.[7]

NoteModifica

  1. 6,0 6,1

Collegamenti esterniModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale